Logo Circolo Didattico San Giorgio C.se Circolo Didattico di
San Giorgio C.se

Vicolo Bianchetti, 17 - 10090 San Giorgio Canavese (TO)
Cod. Mecc.: TOEE16800L - Cod. Fisc.: 83501980011
Tel: 0124 32220 - Fax 0124 450423 - E-mail: TOEE16800L@ISTRUZIONE.IT - P.E.C.: TOEE16800L@PEC.ISTRUZIONE.IT

Il sito web della Direzione Didattica di San Giorgio Canavese non viene più aggiornato e rimane online per consultazioni d’archivio.

Tutti i nuovi aggiornamenti sono ora pubblicati sul nuovo sito dell’Istituto Comprensivo di San Giorgio Canavese

Criteri per la formazione delle classi primarie

 
1. CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI PRIME NEI PLESSI IN CUI SONO PREVISTE PIU’ SEZIONI


1. 1. Le classi sono unità di aggregazione degli alunni, aperte alla socializzazione e allo scambio delle diverse esperienze; andranno perciò favorite le modalità organizzative espressione di libertà progettuale coerenti con gli obiettivi generali e specifici dei vari ordini di scuola


1. 2. I criteri mirano a raggiungere due obiettivi:
• L’eterogeneità all’interno di ciascuna classe
• L’omogeneità tra le sezioni parallele

1. 3. La formazione dei raggruppamenti iniziali sarà effettuata dai docenti di classe tenendo globalmente presenti le seguenti variabili:
• Sesso;
• Semestre di nascita;
• Periodo di frequenza alla scuola dell’infanzia ( da 2 a 3 anni o
per meno di 2 anni);
• Frequenza alla scuola del’infanzia statale / privata;
• Eventuali indicazioni dell’équipe psico-sociale;
• Presenza di alunni non italofoni;
• Presenza di alunni diversamente abili;


1. 4. Si utilizzeranno inoltre le valutazioni sintetica espresse dai docenti della scuola dell’infanzia (documenti per la continuità di fine anno)


1. 5. Il Dirigente Scolastico formerà le classi sulla base:
• Delle proposte della commissione di cui sopra;
• Verificata la corretta applicazione dei presenti criteri.

 

2. CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE PLURICLASSI

2.1. Il Dirigente Scolastico, dopo aver sentito le proposte degli insegnanti del plesso, procederà alla formazione delle pluriclassi tenendo contemporaneamente presenti le seguenti
variabili:
• La Normativa in materia di pluriclassi;
• La continuità didattica;
• Il numero degli alunni;
• L’eventuale inserimento degli alunni handicappati;
• Ogni altro elemento utile alla migliore formazione delle pluriclassi sulla base di un progetto predisposto dai docenti.

 

3. INSERIMENTO NELLE SEZIONI DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

3.1. Per l’inserimento degli alunni diversamente abili nei gruppi/sezioni si terranno presenti i seguenti criteri:
• Parere dell’équipe socio-psico-pedagogica;
• Inserimento in una classe rispettando le indicazioni normative;
• Opportunità di rendere disomogeneo il numero degli alunni delle due sezioni a favore di quella in cui è inserito l’alunno portatore di handicap previo parere favorevole della commissione continuità.

 

4. INSERIMENTO NELLE CLASSI DEGLI ALUNNI NON ITALOFONI

4.1. I minori stranieri soggetti all’obbligo scolastico vengono iscritti alla classe corrispondente al’età anagrafica, salvo che il collegio dei docenti deliberi l’iscrizione ad una classe diversa,
tenendo conto:
• Dell’ordinamento degli studi del Paese di provenienza dell’alunno, che può determinare l’iscrizione ad una classe immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella
corrispondente all’età anagrafica;
• Dell’accertamento delle competenze, abilità e livelli di preparazione dell’alunno;
• Del corso di studi eventualmente seguito dall’alunno nel Paese di provenienza;
• Del titolo di studio eventualmente posseduto dall’alunno.

 

5. NEL CASO DI ECCEDENZA DI ISCRIZIONI ALLE CLASSI PRIME DEL CIRCOLO SI SEGUIRANNO I SEGUENTI CRITERI DI PRECEDENZA:

E’ fatto salvo il principio generale di accoglienza di tutti gli iscritti anche non residenti, nel limite di legge. Soltanto nel caso di estrema necessità si procederà ad accogliere con precedenza:
• Bambini residenti nel Comune di riferimento;
• Bambini residenti nel bacino di utenza nel Circolo;
• Bambini residenti in altri Comuni.

 

6. PROCEDURA

6.1. Formazione gruppi classe.
6.2. Sorteggio degli abbinamenti gruppi classe – lettere sezioni ed equipe pedagogica da parte del Presidente del Consiglio di Circolo alla presenza del Dirigente Scolastico e dei docenti di classe.
6.3. Esposizione dei gruppi classe all’albo.

 

In caso di eccedenza di iscritti ad uno dei tempi scuola previsti dalla normativa si procederà a verificare le effettive esigenze familiari.
In caso di necessità si procederà ad estrazione da parte del Presidente del Consiglio di Circolo alla presenza del Dirigente Scolastico e dei docenti di classe prima.
In caso di adesione di tempi scuola diversi non attivabili, farà fede la volontà espressa dalla maggioranza.
Le procedure adottate verranno verbalizzate.


 


Schools for health in Europe

 

 


pago in rete